mercoledì 17 ottobre 2012

Frédéric Chopin



Frédéric Chopin  ritratto da M.Wodzinska 
nel 1836
-----------------------------------------------------------------------------------------------

Oggi, 17 Ottobre del 1849, si spegneva a Parigi, dopo una lunga e sofferente agonia per tisi, il “poeta del pianoforte”: Frédéric Chopin.

Il nome di Chopin è molto familiare nell’800; e tale resterà, senza contrasto alcuno, fino a che l’arte della musica avrà vita.
Il genio Chopin ebbe un immediato riconoscimento. Non solo egli raggiunse in breve la fama – ciò che di rado avviene quando si tratta di un compositore – ma la sua andò sempre crescendo.
Agli ascoltatori stupiti, le sue composizioni producevano una indimenticabile impressione, tanto era la bellezza delle sue armonie. Come l’intensità con cui esprimeva la passione, l’eleganza di uno stile del tutto nuovo e personale. Combinazioni musicali fascinose per le fioriture melodiche, le quali sapevano incarnare la dignità e la raffinatezza caratteristica della razza polacca, e insieme il fervore della  fede patriottica.
Un secolo più tardi, musicisti e pubblico non erano meno sorpresi e impressionati dall’espressione del genio chopiniano. Un genio che nessuno poté negare nell’originalità delle sue composizioni da far ascendere il pianoforte da posizione secondaria, all’altezza di primissimo strumento musicale.
Si crede a torto da taluni che la fama duratura di Chopin debba piuttosto venire attribuita alla sua esistenza infelice; alla malattia che lo oppresse per la maggior parte della sua vita; al tormento che soffrì per la sua Polonia adorata; all’accoramento per quella sua vita incompleta che non gli permise mai di raggiungere la felicità  alla quale aspirava. Queste cause esistettero, è vero, da attirare sul cagionevole maestro le simpatie particolarmente del mondo femminile. Ma se deve il suo posto fra i grandi geni musicali, è soltanto grazie ai pregi della sua musica innovativa che elesse a sommo grado il periodo del romanticismo.
A  soli 21 anni lascia il suo paese natale, e il suo primo amore non compiuto (Maria Wodzinska), per Parigi. Meta raggiunta dopo un breve e infausto soggiorno musicale a Vienna. Un Chopin consapevole della già raggiunta perfezione tecnica pianistica e non meno di compositore, che pensa sia più facile conquistare una Parigi anche se colma di tanti giovani talenti. Ma anche inconsapevole del suo delicato stato fisico, cagionevole di salute e dall’aria malinconica per la nostalgia della sua terra. Ma se da una parte il destino aveva già decretato per l'astro nascente una breve esistenza, dall'altra lo aveva dotato di due mani figlie del vento, piene di grazia e dalla linea aristocratica.
Arrivò a Parigi portando con sé uno scrigno d'argento donatogli dai suoi migliori amici, colmo di terra di Polonia. Gli fu donato per non fargli dimenticare a quale nazione appartenesse, e quanto la sua terra lo avrebbe sempre amato. Assieme allo scrigno, una rosa riposta in una lettera: l’ultima fra le tante della sua amata Maria Wodzinska, la stessa che lo ripudiò per un infelice e breve matrimonio. L’amore del popolo polacco per la patria è sempre stato simbolo di un viscerale legame patriottico. Frédéric Chopin non lo poteva immaginare, non fece più ritorno alla sua amata terra.
A Parigi si lega di una affettuosa amicizia con il più grande virtuoso del piano, riconosciuto in tutta Europa, Franz Liszt.
Alla tastiera il giovane polacco mostrò un tocco soffice, puro, ardente, ma la sonorità era troppo delicata, esile, come il soffio di un cuore innamorato senza speranza. Note musicali che parlavano come sublimi versi poetici. Melodie che lasciavano una carezza nell’anima per la loro dolcezza soffusa. Sonate che non si prestavano per una grande sala da concerti. Infatti egli amava suonare, improvvisando anche per ore, presso i salotti più aristocratici di Parigi.
Oltre le serate da camera, per mantenersi iniziò a impartire lezioni alle signorine dell'aristocrazia. Insegnava a cinque o sei allieve in un giorno, per 20 franchi a lezione: l'equivalente di circa cinque euro di oggi.
Suonava in modo brillante, indimenticabile, in piccole riunioni di persone amanti della bella musica.
Aveva una carrozza, un domestico, e portava sempre guanti bianchi. L’eleganza era un lusso cui non avrebbe mai rinunciato. Anche nei periodi meno fortunati.  
Chopin fu definito «il poeta del pianoforte». Lo si ricorda più per i suoi celebri notturni. Ma nondimeno per i suoi walzer, mazurche, polonaise, studi, scherzi e ballate. Per finire con i preludi scritti durante il soggiorno maiorchino in compagnia della sua ultima prova sentimentale: George Sand. Un soggiorno quello di Maiorca, ricordato più per l’insistente e continua pioggia che per gli attacchi violenti di tosse sanguigna. Fra i vari preludi, George Sand, (pseudonimo di Amandine Aurore Lucile Dupin) definì ne la “Histoire de ma vie”,  il ‘Preludio delle gocce di pioggia’ proprio perché composto in una notte di forte tempesta.   
Non compose praticamente nulla per altri strumenti, o per voci.
Il pianoforte era un prolungamento della sua persona, un'intima e obbediente parte di lui, così come le corde vocali di una primadonna del canto sono parte di lei.
Questa comunione quasi corporea gli diede la possibilità di eseguire col pianoforte cose che non erano mai state provate e nemmeno pensate prima.
Gli schemi ritmici che Chopin scelse per la sua musica erano spesso quelli tradizionali, come la mazurka o il valzer. Il vino novello, frizzante, che egli versò in queste vecchie bottiglie le trasformò arricchendole in bellezza e novità.

Il febbrile ritmo di vita parigina e la tormentata permanenza a Maiorca, presso la Reale Certosa di Valldemosa, minò la già precaria salute di Chopin. La stessa malattia ereditata dal padre, la tisi.  Patologia oscura che allora non lasciava scampo, fu la causa della penosa sofferenza e una lunga agonia che condusse alla morte alla sola età di 39 anni l’infelice genio polacco. Fra le tante composizioni di Chopin, oggi vogliamo ricordarlo con la sua sonata per piano No2 op.35  ‘Marcia Funebre’. Composizione che tutti i più grandi interpreti del pianoforte, si sono cimentati. E che ancora oggi viene suonato nei maggiori concerti per pianoforte a lui dedicati.

Ho preferito ricordare l’essenziale musicale di Frédéric Chopin, piuttosto che la sua  esistenza tempestosa, costellata di sofferenze fisiche e interiori.

Fryderyk Franciszek Chopin, il cui nome è noto anche nella variante francesizzata Frédéric François Chopin, nasce a Zelazowa Wola il 22 Febbraio 1810 e muore a Parigi il 17 Ottobre 1849.


Chopin a Parigi. Ritratto da. E. Delacroix
                  

a questo intimissimo brano, eseguito dalla grande 
Valentina Igoshina,  dedico questi versi per
 ricordare un felice incontro  durato quanto
     il tempo di un bacio all'alba di un tramonto

        


Per non dimenticarti

Oggi su queste note
Che trafiggono l’aria
E il respiro di un amore
Io piango il tuo silenzio

E su queste e non altre
Giunse il primo sguardo
Il concerto d’un sorriso
Il nostro primo incontro

Su questa dolce melodia
Scrivere doveva un bacio
Dall’alba di un tempo
Al tempo d’un tramonto

Su questo triste canto
Il nostro primo bacio
Breve bacio di un’alba
Di un tramonto l’addio

Così breve il nostro amore
Di ieri gioia il tuo respiro
E di oggi tacito il silenzio
Che tutto ti riveste il corpo

Su questa dolce melodia
Io solo resto prigioniero
Di una infinita lacrima
Che non scende nell’oblio

E su queste immortali note
Il sorriso di un breve amore
E su questo o dolce morte
Rubato tu le hai la vita



Not to forget you

Today on these notes
That pierce the air
And the breath of love
I cry your silence

And on these and not others
Came the first look
The concert of a smile
Our first meeting

On this sweet melody
Had to write a kiss
Since the down of time
At the time of a sunset

On this sad song
Our first kiss
Brief kiss of a sunsire
Of a sunset farewell

So short our love
Yesterday’s joy your breat
And today’s tacit silence
Everything your covers the body

On this sweet melody
I only rest prisoner
Of an infinite tear
That does not fall into oblivion

On these immortal notes
The smile a short love
And on this or sweet death
You have stolen her life


                            ©Sergio Dellestelle

64 commenti:

  1. Lieben Gruß und Carpe Diem
    CL

    RispondiElimina
  2. Credo ci sia una certa similitudine tra Chopin e Leopardi: un fuoco poetico che divampa repentinamente e consuma questi Geni. Cagionevoli di salute, uniti dalla comune brevissima esistenza, scomparsi entrambi all’età di 39 anni, hanno però conquistato con la loro immensa arte l’eterna immortalità.
    Sergio, non trovo parole adeguate per esprimere quanto la tua poesia mi ha toccato ... dire di ode paradisiaca, superlativa, è poca cosa e non ti rende giustizia...
    ..."Una lacrima infinita" chiusa nell'anima lo è per tutti coloro che hanno il ricordo di qualcosa che non è mai stato ... non credo sia rimpianto, ma un altro modo di vivere qualcosa, dal di dentro, in modo silenzioso, molto personale ...

    RispondiElimina
  3. ....ciao Serena, l'accostamento fra il più grande della lirica poetica e il poeta più grande del pianoforte, è quanto di più vero si possa pensare...
    la triste poesia, che ero restio a pubblicare, si accosta molto al mancato amore di Chopin con Maria Wodzinska...ps. penso e credo che i più abbiano nel proprio silenzio 'una lacrima infinita' che mai finirà nell'oblio...con sincero affetto...

    RispondiElimina
  4. "Breve bacio di un alba
    Di un tramonto l’addio"
    Belli i tuoi versi! In un giorno si può provare amore per l'eternità.

    Ps: Caro Sergio il post del passatore l'ho scritto io quindi ti rispondo qui. Sei di Imola??? anch'io abito a 15 kilometri da Imola ma in prov.di Ravenna e sono una romagnola Doc, nata nel cuore della Romagna vicino al paese del passatore.
    Per quanto riguarda il tuo cane, forse gli dai troppo cibo e lui o lei lo va a nascondere e poi riprenderlo quando ha fame. Non lasciargli il cibo, dagli quello che consuma e metti via la ciotola. Io ho cani da tartufo e i buchi li fanno, ed ho rimediato mettendo sulla terra quella rete verde in plastica e cè cresciuta l'erba, quindi non si vede ma loro dopo ad una zampata si fermano.
    Spero d'averti risolto il problema buche. Chissà se ti conosco io ho avuto una attività pubblica a Imola!
    Ciao a presto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ciao Gala, il mondo sembra grande invece a volte è davvero piccolo...grazie delle tue parole sulla poesia...per la piccola peste del cucciolo Thor, ho risposto alla mail del commento ...un sentito grazie e ancora scuse per la mia disattenzione...:-)

      Elimina
  5. carissimo sergio...ogni lettera, ogni frase, è sentita realmente attraverso questo tua dedica, nel senso che si percepisce il tuo profondo...( RICORDO ) DI QUALCOSA CHE è SVANITO..ma con chi hai potuto condividere questi tuoi..attimi...credo che le cicatrici siano rimaste. buona notte, e ti auguro cose ancora + migliori...con affetto... lunagrigia..:)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ciao carissima Sandra, sì un ricordo triste che non cadrà mai nel fiume dell'oblio...anche se il tempo è un potente narcotico, gli eventi imprevisti e violenti che feriscono i sentimenti, restano per sempre...con affetto jonathan L...

      Elimina
  6. Stupenda nella sua tristezza.

    RispondiElimina
  7. ...ciao carissima Gianna... grazie...

    RispondiElimina
  8. E questi tuoi versi navigano sul LETE ma non finiranno mai nell'oblio Sergio, perché dentro racchiudono il sentimento e l'amore per l'arte, la musica, la poesia e, principalmente il ricordo d'un grande uomo!
    T'abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...il tuo commento naviga leggero su quel fiume senza mai disperdere una parola e morire per sempre...grazie Joe...ricambio l'abbraccio...

      Elimina
  9. Fiul lui Nicolas,francez prin nastere,frederik e ,da,fiu al vintului,nu interpreta niciodata la fel aceesi melodie.... fiu aristocrat al vintului...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Dear Laura, vă mulțumesc pentru cuvintele tale care reflectă adevărata natură a omului Chopin.Fiu al unui tată francez și mamă poloneză. Compozițiile muzicale ale lui Chopin au fost scrise pentru toată lumea auzit. O imbratisare sincera...

      Elimina
  10. Chopin como todo artista perdura a través de su obra, pero es bueno revivir su biografía
    Hermoso poema, nostálgico y lleno de emociones
    Un abrazo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...hola Lapislazuli. Creo que artistas como Chopin tienen todo el derecho a pertenecer a la izquierda singular contribución a la humanidad, la inmortalidad. Un abrazo...

      Elimina
  11. love chopin, great taste in music and thank you for this nostalgic poem.

    grazie tanto!

    hope your day is going well.

    p.s. appreciate your lovely comment!
    thank you!

    RispondiElimina
  12. ...yes, Betty, Chopin was all love for his music that speaks only of deep feelings. One day he wrote to a friend: "No pain no gain." And, Chopin embodied love and suffering, and this song speaks for him Thank you for your visit. A sincere hug ...

    RispondiElimina
  13. Stupendo Chopin, lo adoro, adoro quella tristezza che sa emergere da quelle infinite note e me lo riservo per i momenti speciali. stupenda lirica per ricordare, non bisognerebbe mai dimenticare niente di ciò che si è fatto, vissuto o solo sperato e immaginato.

    RispondiElimina
  14. ...io ho pochissimi momenti speciali, ciononostante Chopin me lo riservo sempre, e i momenti allora diventano speciali...ps...a volte qualcosa che del vissuto è meglio dimenticarlo...naturalmente sono congetture personali...ciao Fatima...-))

    RispondiElimina
  15. Hola Sergio, a pesar del traductor, tu poema me ha parecido sencillamente ¡Genial!.
    Un abrazo desde Sevilla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...hola Manuel, tus palabras me llevan alegría a su comprensión de los versos ... un abrazo desde Imola...

      Elimina
  16. Traspira solitudine, ma ovviamente bella lirica!
    Di questa solitudine ne hai reso una pienezza artistica sorprendente la stessa che traspare dalle note di CHOPIN.
    BACIBACI GABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ciao dolce Gabry, il solo vedere il tuo avatar, mi dona un respiro di gioia e passata nostalgia...ricambio i tuoi baci..

      Elimina
  17. Oi Sérgio!
    Você tem uma linda alma poética, passa isso lindamente no que escreve
    e em seu comentários e retribuição as seu leitores.

    Me honras com suas visitas e comentários.


    Bjos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...olá Mary, suas palavras são um grande incentivo para continuar a escrever. Obrigado. Um abraço...

      Elimina
  18. Amo Chopin e la sua musica, intensa , armoniosa , triste e penetrante: musica che considero tra le belle cose da amare!
    I tuoi versi.... Non so come esprimerti l'emozione che hanno saputo provocare in me. Sono versi speciali, dedicati ad un amore appena respirato e vissuto con intensità : sono belli e di grande sensibilità . Grazie. Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma che bella coppia siete?...cara Paola amare Chopin è amare la poesia...sia musicale che in versi.. non sempre i versi suonano come le note del nostro amato Frédéric, ma se questa volta hai fruito di emozione leggendo i miei versi, bè, sono molto contento.. saluti musicali...

      Elimina
  19. ¡¡Hola Sergio Celle!! ^_^

    Uyy...no me acordaba de que eres italiano...yo entiendo un poco...pero no lo suficiente...hahahahahaha...

    Me encanta tu entrada del blog, porque se la has dedicado a uno de mis autores preferidos, como ya te dije, junto a Chaikovski, me parecen los más dulces y románticos de la música clásica....♥

    Y para despedirme, te dejo el link con el video de uno de mis temas preferidos de Chopin: "Nocturno"...sé que lo disfrutarás tanto como yo...

    ¡¡Un Saludo Grande!!

    Link: http://www.youtube.com/watch?v=tgA9OrV2DI4

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...hola Miriam...me alegra que te guste Chopin y Tchaikovsky. Dos grandes intérpretes de romance. Aunque el ruso ha escrito más sinfonías y la ópera. Gracias por el nocturno de Chopin que he adjuntado. Jugó un neravigliosa. Nos vemos pronto. Un abrazo ...

      Elimina
  20. Mi piace molto la sua tristezza, mi fa ricordare cose belle....sembra strano ma a me Chopin fa questo effetto.
    Grazie

    GiacoManu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ciao GiacoManu...non tutta la musica scritta da Chopin è triste, come gli gli scherzi e gli studi....certo, la sua vita non è stata vestita con l'abito della felicità, ma piuttosto con quello della sofferenza fisica e interiore...grazie della tua visita...

      Elimina
  21. Risposte
    1. ...onorato della tua decisione...la tua vetrina è uno vasto specchio rivolto al mondo della poesia...grazie Gianna...

      Elimina
  22. Mio caro Sergio, ci vuole bravura e raffinatezza nel rubare la vita: Chopin era geniale nel rubare con la sua mano destra e rendere meno rigida l'onestà della sua mano sinistra, tu invece sei geniale nel rubare ai tuoi pregevoli neuroni l'eleganza e l'astuzia che trovano un prezioso scrigno nei versi che componi!
    Musicale domenica amico mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...cara e generosa Sciarada, nel tuo penultimo commento mi hai strappato una lacrima, oggi invece mi hai donato due vellutati sorrisi: uno è sceso silenzioso nell'anima, e l'altro, è caduto dilettoso nel pensiero...:-) amica mia, che la tua domenica possa chiudersi con un click immortale...

      Elimina
    2. Sorridiamo insieme carissimo Sergio!
      Lieta festa di Ognissanti!

      Elimina
  23. il cuore si commuove nel leggere questi versi
    la dolce melodia del ricordo di un amore intenso
    una nube scura offusca il pensiero ma una dolce melodia ha impresso nel cuore il momento dell'incontro
    versi stupendi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...piacere di fare la tua conoscenza virtuale Sidus. Il tuo sensibile commento mi è caro, ha colto l'essenza dei versi...un arrivederci a presto...

      Elimina
    2. il piacere è mio Sergio, un abbraccio e buona domenica

      Elimina
  24. ...stupende queste tue paginette.... particelle di note sparse che bisogna raccogliere con l'orecchio del cuore....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ciao Loris, piacere di vederti e di leggere il tuo commento che riflette dell'udito più vasto e più fine...

      Elimina
  25. Ti ho trovato Sergio e ne sono felice...
    Questi tuoi scritti mi riportano alla danza, una forma d'arte che pratico e adoro e alla musica classica ,altra mia indiscutibile passione!
    Te ne sono grata e grazie !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...se trovare rispecchia felicità, sono contento di esserne complice...un abbraccio a te e alla tua musica...

      Elimina
  26. Ho sempre apprezzato la musica di Chopin, la poesia e il tormento che esprime con le sue note sono unici.
    Purtroppo oggi la bellezza della musica classica si perde a favore di musica spesso dozzinale, ma è bello trovare persone che l'apprezzano.
    Un saluto e un abbraccio
    Matilda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...per chi ama la poesia, quella messa in musica è la forma più rapida e diretta che colpisce il cuore...il periodo romantico ha espresso una musica speciale, perché scritta col genio del cuore: la tenerezza. Quella che sa indovinare e presentire il velluto di una carezza, ancor prima del suono di un bacio...ciao Matilda, un abbraccio...

      Elimina
  27. Sergio!
    Vim agradecer o carinho da visita!

    Bjos querido

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..Mary! obrigado pela sua visita ... Um abraço ...

      Elimina
  28. Buon fine settimana Sergio!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...anche a te Marie...un abbraccio..

      Elimina
    2. Αγαπημένε φίλε Sergio. Σου εύχομαι ολόψυχα καλή και δημιουργική χρονιά. Υγεία και ευτυχία σε εσένα και όσους αγαπάς. Μια χρονιά γεμάτη όμορφες στιγμές και χαμόγελο. Το χαμόγελο που χαρίζεις, σου επιστρέφεται :)

      Elimina
    3. Γεια σου Μαρία, είμαι στην ευχάριστη θέση να γνωρίζουμε είστε εντάξει. Αυτό το χαμόγελο μου είναι δική σας. Σας εύχομαι μια χρονιά γεμάτη από ικανοποίηση και ηρεμία. Μια αγκαλιά. Υ.Γ. Αυτές τις μέρες διάβασα τα επιγράμματα του Καλλίμαχου του ποιητή της Κυρήνης. Μια μεγάλη ελληνιστική ποιητής, ο πατέρας της σύγχρονης ποίησης ...

      Elimina
  29. Βuon giorno caro Sergio
    Υπέροχο το μπλοκ σου , αφιερωμένο στην ποίηση και την μουσική!
    Λατρεύω τον ήχο του πιάνου , νοιώθω ηρεμία όταν γράφω
    και ακούω κλασικά κομμάτια που παραμένουν στον χρόνο !
    Εύχομαι να είσαι καλά
    Σε φιλώ
    Καλή σου εβδομάδα :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...αγαπητέ Λεβήνας, η μουσική είναι η αδελφή της ποίησης. Μαζί μπορούν να μας κάνουν να αγγίξει την κορυφή της μεγάλης συγκίνησης. Και η μουσική του Σοπέν είναι το δικαίωμα να συνθέσει στίχους σε απομόνωση. Σ 'αγαπώ πάρα πολύ. Σε παρακαλώ, σε παρακαλώ, όταν δημοσιεύετε μια νέα θέση, ώστε να ξέρω. Γράψτε στο Google+. Αγκαλιάστε τη νύχτα

      Elimina
  30. Oi Sergio!

    Só tenho a te agradecer, obrigada por me conceder a sua amizade.

    Um bjo no coração.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...olá Maria, que bom receber palavras mesmo que apenas um pouco de amizade. Seu carinho é retribuído pela mina. Seria muito legal da sua parte eu morava mais perto, poterei te ver e falar. Um beijo e um abraço ...

      Elimina
  31. Oi Sergio!

    Vim retribuir seu carinho em me visitar!

    Excelente sábado pra você.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...olá Maria, feliz em ver você. Eu também desejo-lhe um bom fim de semana. Feliz Páscoa ..

      Elimina
  32. hola sergio,

    feliz pascua!

    an exceptional post btw.

    saludos y un abrazo.

    RispondiElimina
  33. ...hola Betty, qué sorpresa tan agradable! Ahora Pascua ha terminado, pero les deseo un feliz lunes de Pascua. Felicitaciones por su avatar nuovo, eres muy hermosa.

    saludo y abrazo

    RispondiElimina
  34. Bela melodia, piano tem a doce e agradavel leveza da alma em cada nota. Gosto de piano.
    uma excelente semana.
    Um grande abraço!

    RispondiElimina
  35. ...obrigado pela sua visita Lucien, suas palavras são um bálsamo para respirar ... abraço ..

    RispondiElimina

Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.