domenica 16 dicembre 2012

Immortale Amata

Ludwig van Beethoven
ritratto di J.K.Stieler 1820



Ludwig van Beethoven
ritratto di C.T.Riedel 1801

…l’opera d’arte più vicina alla perfezione è profondamente determinata dal suo tempo e al contempo lo oltrepassa, giungendo all’atemporalità…

Max Raphael


   




                                                         Oggi 16 dicembre dell'anno 1770
                                                           a Bonn Maria Magdalena Leym
(nata Keverich il 12 nomenbre 1746-1787),
dava alla luce e al mondo intero, colui che avrebbe cambiato il modo di fare e
concepire la musica:
LUDWIG van BEETHOVEN

Ludwig Van Beethoven non ha bisogno di tante presentazioni. Anche per quelli che non amano la musica classica. Tutti sanno della grande figura che questo genio ha rappresentato per il periodo romantico. Tutti conoscono le sue opere più eseguite. Per i cultori del grande maestro invece, è superfluo dire quanto le sue composizioni abbiano fatto di lui il padre della musica espressivamente interiore, spirituale. Decifrabile a qualsiasi udito del cuore. L.v. Beethoven, un uomo prima che un artista. Nella sua vita di musicista non sono mancate presenze femminili, alcune delle quali hanno lasciato segni indelebili nei ricordi del maestro. Donne a volte già impegnate in altre relazioni, o addirittura legate dal vincolo matrimoniale. Fra queste una resta ancora avvolta nel fascino del mistero: 'l’Immortale Amata.' Una donna dall’anima che seppe conquistare il suo tenero cuore, quando invece fu incompreso dai suoi migliori amici per la completa sordità. Una donna che lo amò a tal punto da condizionare la mano del genio, la quale trascurò per un certo periodo la carta dei pentagrammi, sostituendo le note con parole struggenti, per manifestare ciò che il cuore gli dettava. Un cuore appassionato, bisognoso di amore colmo di musica sentimentale e sensuale, quello che soltanto una donna sa donare. E per questa misteriosa ‘Immortale Amata’ l’uomo Beethoven scrive una lettera che rivela di quanta passione fosse capace il suo cuore. Di quanto un vero sentimento possa rendere indissolubile tutto ciò che una vita può unire, ancor prima dei corpi. Di questa lettera ancora oggi se ne discute. Non si è certi se il maestro l’abbia fatta recapitare alla destinataria. Ma tutto fa propendere che l’abbia trattenuta per sé, per non ferire o mettere a pubblico ludibrio questa misteriosa donna.Di certo si sa che è stata ritrovata dopo la morte del musicista, a lato del documento riportato come il ‘Testamento di Heiligenstadt’.
Documento scritto nel 1802 ai suoi fratelli da Vienna, nel quale afferma di volersi suicidare accusando il destino e la sua crudeltà, per avergli tolto quello che più aveva diritto di possedere: l’udito. Ciononostante la privazione del senso, a distanza di poco tempo egli scrisse la ‘quinta sinfonia.’ Una composizione che resterà, per intensità interiore e forza espressiva, la più amata ed eseguita nel tempo. Per chiudere poi il suo tempo mortale con la 'nona sinfonia'. Dove finalmente trova collocazione l’ode del poeta F.Schiller: ‘An die freude’, che il maestro conservava da tempo nel cuore ancor prima che la sordità totale lo colpisse. Beethoven parla di amore eterno, di un sentimento che lega due anime. Dalle parole scritte scaturisce quanto intenso e profondo fosse l’amore che l’univa a questa donna. Ma di quale donna si tratta? Nessuno lo sa. Resta un mistero. Ancora oggi si brancola in ipotesi e congetture. La più considerata fra le possibili candidate resta l’aristocratica signora, Antoine Brentano. L’amore per questa figura femminile – immaginaria o reale? - definita ‘Immortale Amata’ ha condotto l’uomo Beethoven a scrivere di Lei. Sembra assurdo pensare che questa lettera, una dichiarazione d’amore degna di respirare oltre i confini della realtà, non sia mai stata spedita e letta dalla misteriosa destinataria.
Ma i fatti confermano l’assurdità: la lettera fu ritrovata chiusa dopo la sua morte in un cassetto della scrivania a lato del testamento di ‘Heiligenstadt.’
Probabilmente il musicista, privo di udito, ma non di profondi e delicati sentimenti, temendo di non riuscire a tener fede a quell’impegno e promessa d’amore, preferisce ferire la parte più intima del suo essere, chiudendo per sempre la lettera in un cassetto. Se quest’azione fu dettata dall’insicurezza verso un mondo che chiedeva soltanto certezze, e dove la sordità non lo avrebbe aiutato, di certo non fu sollecitata dall’incoscienza. Beethoven era cosciente di quell’amore assoluto, come altrettanto lo era da trattenere definitivamente quella dichiarazione per salvaguardare l’immagine della donna. Colei che ancora oggi viene ricordata come ‘L’immortale Amata’
Lettera all’Imortale Amata, redatta in tre riprese, è ritenuta la più bella confessione d’amore inespresso:


Teplitz, 1812
6 luglio di mattina

-Mio angelo, mio tutto, mio me stesso. – oggi solo qualche parola a ma-tita (con la tua matita) – la camera me la potranno fissare soltanto domani, quanto tempo sprecato per simili inezie – perché questo dolore profondo, dal momento che è necessario – Può il nostro amore esistere altrimenti, se non le-gato ai sacrifici e alla rinuncia a pretendere tutto, che si può fare, se non sei interamente mia; se non sono interamente tuo – O Dio guarda quanto è bel-la la natura e non ti turbare per ciò che deve essere – l’amore esige tutto e con piena ragione, così e di me con te e di te con me – dimentichi così facilmente che debba vivere per me e per te, fossimo interamente riuniti né tu né io pro-veremmo questo dolore – il mio viaggio è stato tremendo, sono arrivato qui ieri alle quattro di mattina, mancavano i cavalli così la posta ha dovuto cambiare iti-nerario, ma che orribile strada, all’ultima stazione mi avevano sconsigliato di viaggiare di notte, di guardarmi dall’attraversare un certo bosco, ma ciò che mi ave-va invece stuzzicato – e ho avuto torto, con tutti quei sobbalzi su un fondo appena sterrato, la carrozza avrebbe potuto non farcela e con due postiglioni me-no abili dei miei, sarei rimasto bloccato a metà strada – a Esterhazi non è andata meglio sulla strada normale, coi suoi otto cavalli contro i miei quattro – Anzi, io mi sono persino divertito come mi accade sempre in caso di scam-pato pericolo – ma non torniamo in fretta dalle cose esterne a quelle interne, ci ri-vedremo presto, anche oggi non posso comunicarti le osservazioni che ho fat-to in questi ultimi giorni a proposito della mia vita – se i nostri cuori fossero sempre vicini l’uno all’altro, non mi sarebbero certo venute in mente, ho il cuore che scoppia di cose da dirti – Ah – ogni tanto penso che le parole non siano in grado di esprimere nulla – sii serena, continua ad essere il mio fedele, unico tesoro, il mio tutto, come io lo sono per te; il resto, quello che ci potrà e ci dovrà accadere, saranno gli dei a deciderlo.-
Il tuo fedele Ludwig

Lunedì 6 luglio sera
Tu soffri, tu, l’essere a me più caro – in questo momento m’informano che le lettere  devono essere consegnate molto presto al mattino. Lunedì – gio-vedì gli unici due giorni in cui la posta parte di qui per K. (Karlsbad, stazione termale. Aggiunta personale) - tu soffri – Ah, dove sono io, ci sei anche tu con me, parlo con me e con te, faccio come se potessi vivere con te, che vita!!! Senza di te – perseguitato qua e là dal-la bontà degli uomini che credo – così poco di voler meritare e che merito co-sì poco – L’umiltà dell’uomo verso l’uomo – mi fa male – e se mi considero nel quadro dell’universo, che cosa sono e che cosa è colui – che chiamiamo il più grande – e tuttavia – anche qui c’è il divino dell’uomo – mi viene da pian-gere al pensiero che tu riceverai le mie notizie probabilmente non prima di sa-bato -. Per quanto tu mi possa amare – il mio amore per te è ancora più forte. – e mai starmi nascosta – buona notte – come frequentatore dei bagni devo andare a dormire – O Dio – così vicini! Così lontani! Non è forse un vero edificio celeste il nostro amore – ma anche solido co-me la volta del cielo. – 

Buon giorno 7 luglio 
a letto i  miei pensieri sono già rivolti a te, mia amata immortale, ora lieti, ora di nuovo tristi, nell’attesa che il destino esaudisca i nostri desideri – posso vivere soltanto unito strettamente a te, non altrimenti, sì, ho deciso di errare lontano finché non potrò volare nelle tue braccia e sentirmi perfettamente a ca-sa accanto a te e lasciando che la mia anima, circondata dal tuo essere, entri nel regno degli spiriti – purtroppo così deve essere – ti rassegnerai, tanto più co-noscendo la mia fedeltà verso di te, nessuna altra donna potrà mai possedere il mio cuore, mai – mai – O Dio perché doversi allontanare dall’oggetto di tan-to amore, la mia vita a V. è ora miserevole – il tuo amore ha fatto di me il più felice e nello stesso tempo il più infelice degli uomini – alla mia età avrei bisogno di vivere in modo uniforme senza scosse – ma è ciò possibile nella no-stra situazione? – Angelo mio, mi dicono ora che la posta funziona tutti i gior-ni – quindi chiudo affinché tu possa ricevere la lettera al più presto – sii calma, solo contemplando con serenità la nostra esistenza potremo raggiungere il no-stro scopo di vivere insieme – sii calma – amami – oggi – ieri – Quanta nostal-gia, quanto rimpianto di te – di te – di te – mia vita – mio tutto – addio – ti prego continua ad amarmi – non smentire mai il cuore fedelissimo del tuo amato
L.
Eternamente tuo
Eternamente mia
Eternamente nostri


Questa lettera è stata scrupolosamente tradotta dal facsimile pubblicato dalla Beethoven-Haus nel 1986.
I trattini, che suppongono una ‘pausa’, tipici dello scrivere Beethoveniano, sono riportati tutti, come da originale. Essi dimostrano quanto lo spirito del genio fosse di natura passionale e sempre in agitazione. Queste ‘pause’, se viste come gocce sospese nell’aria, altrettanto si possono sentire come ‘sospiri’ trattenuti nel cuore.
-----------------------------------------------------------------------------

...il video musicale, che consiglio di ascoltare, contiene il secondo movimento del concerto per pianoforte e orchestra: 'Emperor' nr 5 in Mib maggiore op.73

E' stato l'ultimo concerto per pianoforte scritto dal maestro tra il 1809 e  il 1811 poi dedicato all'Arciduca Rodolfo suo protettore.

E proprio in questo periodo il cuore di Beethoven palpita d'amore per la sua 'Immortale Amata.' Ascoltando il suono delicato e appassionato  di questo brano, con l'introduzione degli archi che fanno pensare al maestro trasceso, assorto su ciò che deve scrivere alla sua amata, s'intuisce quanto ogni nota del piano sia intrisa di un sentimento tenero che via via si agita sognando desideri incompiuti...

a queste incantevoli note, io lascio questi pochi versi,
 certo che dall’alto del suo silenzio, il genio che ha commosso il mondo
 li canterà col cuore, perdonandomi con una lacrima e un sorriso:


Mio angelo mio tutto
Ti prego taci e ascolta
Mira a lungo il cielo
Questa notte

Lassù ho scritto
Le nostre note
Fra luna e stelle
Come eterni amanti

Sì amanti un tempo
Paradiso e inferno
Generò per noi
Inesorabile sorte

Pochi giorni
Poche ore
Pochi istanti
Brevi infiniti

Lo stesso tempo
E il nulla è tutto
Che altro mondo non avrà
E non avran le stelle


My angel, my all
Please shut up and listen
looks long at the sky
tonight

I wrote up there
Our notes
Between the moon and stars
As eternal lovers

Yes lovers a time
Heaven and Hell
Begot for us
inexorable fate

A few days
A few hours
A few moments
short endless

The same time
And nothing is everything
What else world will not have
And will not have the stars

                        ©Sergio Dellestelle









Ludwig van Beethoven muore a Vienna il 26 marzo del 1827.

PS. Chi volesse leggere il sunto biografico che ho scritto su Beethoven, lo trova postato su: 'L'universo Dell'Arte' In google+

55 commenti:

  1. Καλησπέρα φίλε μου. Πέρασα από τον χώρο σου για να σου ευχηθώ καλές γιορτές. Καλά Χριστούγεννα εύχομαι με υγεία, γεμάτα ονειρικές στιγμές!

    Καλό απόγευμα :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Μαρία γεια σας, ο φίλος μου, σας βλέπω να είναι πάντα μια μεγάλη τιμή. Παίρνω αυτή τη συνάντηση για να ευχηθώ σε εσάς και σε όλους τους φίλους και την οικογένειά σας να περάσετε γαλήνια ευτυχία με τις επερχόμενες γιορτές των Χριστουγέννων. Μια αγκαλιά από την καρδιά ...

      Elimina
    2. Ανταποδίδω τις ευχές. Αγκαλιά :)

      Elimina
  2. Stupendo, incantevole! Ho ascoltato questo video e mi ha fatto sognare, è un brano di una dolcezza infinita. Bellissime anche le parole che lo accompagnano. Grazie, ciao Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ciao Stefania, il tuo sogno è anche il mio. Beethoven ha qualcosa di divino, quando lo ascoltiamo percepiamo il trascendentale fluire come un respiro nell'anima...colgo l'occasione per augurarti buone feste...

      Elimina
  3. Sergio!

    Agradeço pela sua amizade, te desejo um feliz natal.

    Que possamos estarmos juntos compartilhando carinho e amizades por muitos e muitos anos.

    Amizades verdadeiras não tem fronteiras, nem barreiras, tem coração.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...sim, querida Maria, podemos estar perto, embora longe, para sempre. Apenas a mão de Atropos frugal, que corta os fios da vida pode separar a nossa amizade nasceu um curto espaço de tempo, mas já está escrito no grande livro do destino. Colete meus melhores votos de um Feliz Natal e feliz Annius novas. Um grande abraço ...

      Elimina
  4. E tra versi, cielo e note non si può che lasciarsi trasportare nell'eternità di ciò che nessuno potrà mai cancellare: l'amore vero, l'amore intenso, l'amore eterno!
    Hai "ricreato" un piccolo angolo di tempo nel tempo!
    Compresa la romantica nostalgia di poter stringere tra le mani una lettera d'amore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...cara Elisena, mi hai messo in difficoltà: sono dieci minuti che mi trovo difronte al tuo commento e per la prima volta non riesco a trovare una parola da scrivere, tanto è perfetto, come versi che una volta scritti non si toccano più...mi consolo con il luogo comune: 'c'è sempre una prima volta'...ah, sì, una lettera d'amore! Quella mi manca! Fortuna che esiste quella scritta dal geniale Beethoven...colgo questa occasione per augurati anche qui, di trascorrere serene feste natalizie e un anno nuovo ricco di soddisfazioni...con tanta stima e affetto...

      Elimina
  5. Ciao Sergio, non ci crederai ma Beethoven è il compositore preferito di mia moglie, devo assolutamente tradurle questo post in inglese e farglielo leggere.
    Continuo il mio viaggio di nozze, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ciao Antares, come non ci credo? Tua moglie ha un'anima sensibile e un udito interiore da oltre 130 decibel...bè, spero che tu le insegni anche la nostra lingua...un augurio grande per il vostro viaggio di nozze oltre oceano, e che possiate vivere cogliendo il bello di ogni istante che muore...vi auguro anche di trascorre un Buon Natale fra gentili occhi mandorlati...

      Elimina
  6. Estupenda y completa entrada. Me gusta toda la música, la clasica para el reposo y la reflexion
    Abrazo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Lapis hola, me alegro de su visita y saber que te gusta la música de Beethoven ... buenos deseos para la Navidad .. un abbracio

      Elimina
  7. Caro Sergio, anche tu sei un cuore appassionato e colmo d'amore al pari di Beethoven. La tua sensibilità, il tuo amore per la grande musica, la ricerca del "bello", l'ossequio alla donna e l'Amore per l'Amore trapelano dalla tua poesia che non sarebbe potuta essere più delicata e sublime. Come donna, mi stringerei al cuore questa lettera paradisiaca!
    Mi sono soffermata sui tuoi deliziosi ossimori - "Paradiso Inferno" - "Brevi Infiniti" - "Nulla e Tutto" - ... forse Beethoven avrebbe aggiunto: "nel silenzio assordante" ...
    Sergio, è sempre una ricompensa leggerti.
    Un abbraccio, Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ti confesso che come uomo stringo il tuo commento per la sua bellezza, fra le pareti del pensiero, poiché già era sceso nel cuore..."nel silenzio assordante", sì, il grande maestro ne sapeva qualcosa...anche per me è una ricompensa leggere ciò che scrivi...auguri di buone feste Serena...

      Elimina
  8. Penso che se qualcuno può aver ispirato i tuoi versi..quello sicuramente può esser stato solo il grande Ludwig! La tua capacità di immedesimarti al personaggio, ti amalgama a quell'anima al punto tale da incarnarne lo stile. Buona giornata Sergio e..i miei complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Galadriel, nobile Elfa, non solo dispensa doni magici, ma sa pure leggere nel pensiero, infatti i miei versi sono stati ispirati dall'incipit della prima lettera scritta dal genio innamorato, il resto dalla sua melodia musicale e dalla sua 'Immortale Amata'....auguro anche a te un Buon Natale e felice anno nuovo...abbraccio incorniciato...

      Elimina
  9. Mi ero persa questo post così bello, un vero dispiacere non averlo letto prima.
    Le parole di Beethoven, la sua musica e la sua passionalità lo rendono una delle figure più carismatiche di tutto il palcoscenico della musica classica.
    Io adoro ad esempio la Sonata al chiaro di luna, è struggente.
    Sapevo anche delle lettere, le ho trovate in un libro che raccoglie le lettere d'amore più famose della Storia.
    Un abbraccio e passa delle feste grandiose
    Mel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...non dispiacerti cara Melinda, il post resta qui...dispiacerebbe se un giorno per qualche maleficio o negligenza, dovesse sparire...la "sonata quasi una fantasia" - più comunemente nota come 'chiaro di luna' - Beethoven la dedicò alla sua alunna prediletta, la diciassettenne contessa Giulietta Guicciardi, di cui egli era innamorato. Il primo movimento 'adagio' - è una dedica d'amore di raffinata sensibilità interiore...ricambio l'abbraccio e ti auguro di trascorrere feste gioiose...

      Elimina
  10. Che meraviglia!!!
    Musica, versi, parole.......
    Veramente stupendo
    Bravissimo!!
    Un abbraccio:)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ciao Keiko grazie dei tanti aggettivi...il 'Bravissimo' l'ho girato al maestro Van, scritto su carta improvvisata...auguri di buone feste...:-)

      Elimina
  11. Dear Sergio, Immortal Beloved is one of my favorite films of all time! I have watched it countless times, and I'm an constantly enchanted by the beauty of the music... and the story. Beethoven is the greatest musical genius that ever lived, and most have never known any part of his story. Thank you for the lovely and sumptuous post honoring this great composer. I know the words from the film so well in English... and it was my distinct pleasure to read your translation in Italian. Lovely! Un abbraccio!!!

    Nevine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...dear Nevine, the movie 'Immortal Beloved', I do not know how many times I've seen it. In the film work actor Gary Oldman, who I love so much. I own the dvd, for many years, then in my video-library I also have the dvd of 'Me and Beetrhoven' with Ed Harris in the part of the teacher, Harris also very good ... right when you say that few people know about his life, but knowing of course much more to his music .. I wish you a pleasant Christmas. A warm hug...

      Elimina
  12. Buon natale ricco di pace e serenità

    RispondiElimina
  13. Risposte
    1. ...grazie Gianna...e visto il ritardo ti auguro un felice anno nuovo..

      Elimina
  14. Ciao Sergio, se le anime gemelle, su questa terra, per inesorabile sorte possono anche esser divise, ciò non può succedere nell'eternità che le vedrà camminare insieme mano nella mano, a ricostituire quell'androgino di cui fanno parte in perfetta pienezza d'amore!
    Sereno Natale mio Cavaliere a te e alle persone che ami!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ciao Sciarada, sarebbe la giusta ricompensa per quelle anime affini, il trovarsi uniti mano nella mano e camminare sui prati della felicità eterna, e vivere quello che non hanno potuto su questa arida e ingannevole terra...felice San Silvestro mia gentile signora d'altri tempi..

      Elimina
  15. Penso che il Genio, ti perdoni molto molto volentieri... Versi che incantano!
    Bene, sono qui per fare a te e famiglia i migliori auguri di un sereno Natale. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ciao cara Paola, le tue parole sono di conforto, poiché il Genio è esigente. Un augurio per l'anno prossimo a venire, che sia pieno di soddisfazioni per tutti voi...

      Elimina
  16. ....eternamente noi............

    Buon Natale Sergio..... e Buon Anno Nuovo... a te e a chi ti sta vicino.....

    Con infinita simpatia.... Loris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ciao Loris, 'eternamente noi, tutti'....e che il prossimo anno ti sorrida ovunque...la simpatia è reciproca...Sergio..

      Elimina
  17. My warmest wishes for a beautiful holiday season, Sergio. And may 2013 bring goodness for you. :-)

    Hugs,
    Nevine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...hello dear Nevine. I hope you've spent a peaceful Natale.Ti hope with all my heart that the next year will be for you full of great satisfaction and joy.

      Elimina
  18. Un bacio sotto al vischio per augurarti un felice anno!!!!!!
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ricambio di cuore il bacio anche sopra al vischio...che anche il tuo nuovo anno sia felice e colmo di bene...a presto...

      Elimina
  19. Ciao Cavaliere, un anno perfetto non esiste, pertanto ti auguro un anno nuovo che si sbilanci verso tutto ciò che consideri bello, desiderabile ed importante!

    P.S. la gradevole lirica con cui ci accogli predispone l'anima all'ascolto e preannuncia la scoperta di un universo sublime!

    RispondiElimina
  20. ...gentile signora d'altri tempi, penso che il 'perfetto' esista soltanto in 'natura', anche nella sua violenza ed armonico caos, dove la poesia trascende e percepisce il bello che fugge...il tuo augurio lo affido a Zefiro affinché possa riconsegnartelo con una soffice carezza....con affetto e stima...

    RispondiElimina
  21. ciao Sergio, i tuoi versi sono bellissimi
    grazie per le tue parole e soprattutto anche io ti lascio i miei più calorosi auguri per il nuovo anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ciao Sidus, quando ti scrivo già è il 2013 e luna e stelle sono sempre là, dove ancor prima che l'uomo le mirasse già segnavano il tempo di ieri di oggi e di domani...Buon Anno..

      Elimina
  22. Risposte
    1. ..anche te cara Gianna...e che sia anche accarezzato dalla dea bendata.....:-)

      Elimina
  23. Sergio!

    Fico super feliz com as suas visitas!

    Obrigada sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...olá Maria, eu estou feliz em vê-lo e saber que você está bem. Se você ler este comentário, você me dizer o nome de sua cidade? ... Abrace um longo tempo ..

      Elimina
  24. ..."Imaginaria o reale?"

    Non è importante questo in realtà, perchè l'idea essenziale da cui si parte è che questa "immortale amata", imaginaria o reale, è stata l'amore della sua vita.

    Ciao, Sergio. Grazie dal tuo commento... Ti auguro anch'io un felice 2013!

    Un abbraccio ed a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ciao Mercedes, "immaginaria o reale?" è una mia paranoia che mi ha sempre ossessionato. No, la storia e tanta documentazione cartacea di allora, documentano la presenza di una donna, anche se oggi ancora non si riesce a darle un nome...ricambio l'abbraccio...

      Elimina
    2. Caro Sergio mi dispiace che non ci siamo fatti gli auguri per Natale e Capodanno! Io ti avevo mandato una notifica con i miei auguri per Natale tramite le poesie http://rosariamagnisi.blogspot.it/2012/12/natale-e-per-tutti.html e http://rosariamagnisi.blogspot.it/2012/12/la-festa-di-natalelettera-aperta.html
      Per Capodanno invece con la
      poesia:http://rosariamagnisi.blogspot.it/2012/12/2013.html
      Io miauguro che hai passato bene le feste natalizie insieme ai tuoi cari!! Ti auguro un anno sereno e prospero sia per te che per i tuoi familiari.con affetto Rosaria :)

      Elimina
    3. ....cara Rosaria, ti ringrazio per aver riscritto. I tuoi auguri li ricambio di tutto cuore. Voglia Fato donarti per il futuro tutto il bene possibile...con sincero affetto..ps. tornerò a seguire le tua amabile poetica...

      Elimina
  25. ora per un istante sono qui.. avevo già letto questa tua poesia, anzi e molto più... questa tua enorme carezza che queste parole esprimono un amore così lontano dalla terra!! ma vicino al cuore di chi capisce. ciao..

    RispondiElimina
  26. ...ciao Ale, mi sono immedesimato nel cuore disperato di colui che sa di non poter avere l'amore della sua vita...complimenti per il tuo nuovo avatar, che mi ricorda una vasta galassia lontana e vicina....abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. inefetti l'avatar scelto non mi convice ancora! appena trovo quello che più sentirò nel mio sangue..lo cambio..:-) buona notte sergio!

      Elimina
  27. Risposte
    1. ...grazie Luciene, felice di sentirti...abbraccio...

      Elimina
  28. Stupendo questo tuo post....lettere d'amore Sublimi ..parole ...come carezze che ti entrano delicatamente nell'anima...ti fanno sognare...ma anche ti riempiono il cuore di una profonda tristezza ..il pensiero di non aver potuto vivere questo grande amore...
    la forza di questa grande passione...la si rinnova nel suo celestiale Piano Concerto ...
    e... un profondo inpatto emotivo ...fa venir la pelle d'oca ..
    Carissimo ..non so se tu leggerai questo mio commento ...avrei voluto scriverlo nell'altro tuo sito ...ma non é andato...
    Unitamente a questa meravigliosa perla ..aggiungo anche quella ... sentitamente delicata e dolce tua poesia ...percepisco nei tuoi versi una grande passione ma anche un non so che di malinconia.. .per questo grande immortale musicista ...che tu ammiri molto..con tutta la tua anima ...profonda e appassionata . ...
    Un caro abbraccio ...

    RispondiElimina

Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.